Ipocondrial’ipocondriaco è un malato immaginario od un sano dall’immaginazione vivace?

La sofferenza del soggetto affetto da ipocondria è spesso oggetto di umorismo o denigrazione. Chi vive uno stato d’ansia continua rispetto ai segnali che giungono dal proprio corpo e rispetto alla possibilità di essere ammalato vive anche l’altrui incredulità, fastidio ed ironia.

L’obiettivo della psicoterapia è di lavorare sulla sofferenza di chi si sente costantemente in pericolo ed in questa condizione emotivo psicologica rischia di veder appassire e sfiorire il proprio mondo relazionale, di sogni e progettualità. Per vincere quella che agli osservatori appare come una dittatura del corpo diviene necessario restituire senso allo sfondo emotivo e relazionale della persona, recuperando le sfumature emotive perdute, oramai appiattite nell’unico timore della malattia e nella ricerca di una rassicurazione o conferma da parte di uno specialista dell’area medica.

Disturbi di somatizzazione – Nei disturbi di somatizzazione, la sofferenza causata da patologie e disturbi medici che colpiscono il corpo è vissuta con ansia e sensazione di disagio, aldilà delle normali limitazioni che tali situazioni comportano. L’individuo si sente costantemente in difficoltà, trovando come nell’ ipocondria una rassicurazione temporanea nella visita dallo specialista. Rassicurazione che, in quanto temporanea, genera speranze spesso velocemente disilluse, con una forte ricaduta psicologica. Riconnettere il mondo del corpo a quello dei vissuti dell’individuo ed alle sensazioni che prova, è la cura che permette all’individuo di dare voce ai bisogni e di affrontare le necessità.